Nuove socialità per la coppia Foursquare-Swarm

E’ dal 2009 che Foursquare  fa condividere la propria posizione geografica, in tempo reale, con gli amici.  I numeri, almeno fino a qualche mese fa, parlavano da soli: 50 milioni di utenti e 6 miliardi di check-in in tutto il mondo.
Adesso ve ne sarete accorti, almeno dalla sua nuova icona, che Foursquare è cambiato.
La partenza fu un consiglio, trasformatosi subito in un obbligo, ad installare Swarm (che per gli utilizzatori fu un mistero inspiegabile) e poi una definitiva suddivisione di compiti.
Adesso il nuovo Foursquare  trova i “posti” intorno a te, con lo schema del vecchio e rodato di Aroundme,  utilizzando anche filtri intuitivi (cibi, caffé, vita notturna, shopping,  posti a sedere all’aperto, Wi-Fi, ecc…), dove puoi lasciare un consiglio o una recensione e se poi devi fare un check-in ecco che rispunta Swarm: la nuova map che prima ti mostrerà i posti più “caldi” e poi curerà tutta la parte social con tanto di “emotività”.
Tecnicamente la differenza consiste nel condividere la posizione con un’approssimazione ottenuta dalle reti (Wi-FI o rete mobile) e non dalla propria posizione GPS e social-mente spariscono definitivamente i “sindaci” e con loro anche quell’odiosa battaglia nell’accaparrarsi luoghi.
Personalmente ho controllato che fossero ancora in piedi le vecchie “liste”, certo bisogna scavare ma poi le ritrovate tra i posti salvati.
Che dire….  un cambiamento, almeno lato social, era necessario ma sul successo di questa “accoppiata” rimane qualche dubbio.

Mohiomap organizza la tua discarica info

Dice Catherine Shu che dopo essersi accorta di aver usato Evernote come una discarica di informazioni, ha provato ad usare Mohiomap, una web app che trasforma tutte le note e i file di Evernote, di Google Drive e Dropbox in mappe mentali.
In sostanza si passa da un concetto lineare (liste o elenchi) ad uno rizomatico (rete o mappa) di organizzazione delle informazioni archiviate sui diversi cloud.
La nuova forma semantica delle informazioni, secondo Christian Hirsch,  dovrebbe aiutare le persone ad organizzare meglio i loro contenuti e collegarli tra loro.
Al momento la versione gratuita permette solo di visualizzare e navigare tra le proprie mappe ma se si vogliono creare delle connessioni trai i vari nodi, accedere a una dashboard di analisi e aggiungere commenti alle note o ai file,  ci vuole un account “Premium” e 5 dollari al mese.

Elise the Fiery Templar

Arno Victor Dorian corre contro il tempo per salvare dal patibolo  una giovane nobildonna: Elise.
Sarà proprio lei il nuovo personaggio, “femminile” della nuova avventura di Assasssin’s Creed Unity che, come annunciato da Gematsu, entrerà nella dinastia dei Templari nel bel mezzo della rivoluzione francese.
La cronaca racconta di una certa Jessica Smith che con la  sua petizione contro Ubisoft è riuscita a far nascere il personaggio femminile; ma potrebbe anche essere stato tutto un bel piano di marketing.