La questione degli orti sociali a Potenza

L’amministrazione comunale di Potenza a luglio di quest’anno ha assegnato, con una delibera di giunta, un’area attrezzata di  mq 3.535 situata nel quartiere “Macchia Romana”, al Circolo Legambiente “Ken Saro Wiwa” di Potenza.

La concessione è per tre anni (eventualmente rinnovabili) ed è in “comodato d’uso gratuito” e prevede che il Circolo realizzi,  su poco più di un terzo di quest’area, 25 lotti da 50 metri (13 orti sociali e 12 orti per famiglie) da assegnare ai cittadini residenti nel Comune di Potenza.
L’opera è senz’altro meritoria e in linea di principio sono d’accordo, ma ci sono alcune cose che non quadrano o sono state chiarite poco.
Sorvolo sul fatto che quest’operazione è un lascito del vecchio sindaco Santarsiero che ha scelto come partner una sola organizzazione e consideriamo altre questioni.

Per prima cose il comodato d’uso gratuito (quello che il comune concede al Circolo Legambiente) si trasforma in comodato d’uso oneroso, dal momento che il Circolo oltre a ricevere 40mila euri dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per la realizzazione di questi orti, chiede agli assegnatari dei lotti il pagamento di € 50,00 annui e la tessera di Legambiente.

I cittadini che partecipano al bando devono essere residente nel comune di Potenza e non  essere in possesso di un’area coltivabile ricadente nel Comune, ma non si considera che alcune contrade sono più distanti, per esempio, del Pantano di Pignola dove molti potentini hanno qualche orticello. Non sarebbe stato più semplice far partecipare soltanto chi non è proprietario di terreni?

La graduatoria di merito prevede che per gli orti sociali gli abitanti di Macchia Romana vengano avvantaggiati di 5 punti e non se ne capisce la ragione; non credo che il senso  vada ricercato nella legge Legge 10/2013 perché lì si dice altro. L’unico risultato è una graduazione sociale in funzione del quartiere di appartenenza e non derivante da una seria analisi socio-urbanistica.

In ultimo leggo che saranno redatte delle graduatorie e che in caso di parità di punteggio dovrà far fede l’ordine cronologico di arrivo delle domande. Mi chiedo, con quale criterio trasparente saranno realizzate queste graduatorie dal momento che le domande possono essere inviate anche via fax e via e-mail  a  un semplice indirizzo gmail (di PEC neanche a parlarne)?

Ora ditemi voi se questa procedura è quantomeno almeno anomala, poi se volete aggiungere altre riflessioni, che io ho sottovalutato, fate pure.

Batte il tempo della rete

C’è un paradosso che da sempre imbriglia una certa sinistra, quella più a sinistra e/o più “purista”, quella che una volta si chiamava “extraparlamentare”,  ed è lo stare sempre fuori dai contesti più popolari.

Per esempio, ricordo che anni fa non si stava nelle istituzioni (parlamento), non si frequentavano gli sport più popolari (il calcio e i suoi stadi) e non si prestava attenzione ad alcun fenomeno etichettato come “populista”; si forse era più salutare ma ti teneva lontano da “tutto il resto”.  Insomma c’era una sorta di “guida zen” per la vita sociale.

Va da se che, poi, anche in rete  si è scelto secondo lo stesso orientamento: solo alcune liste, niente chat e soprattutto niente Twitter, niente Facebook e degli altri altri social neanche a parlarne.

Bisogna dare atto al partito pirata svedese e poi in Italia al Movimento 5 stelle  che per primi hanno tentano la strada della democrazia liquida  attraverso strumenti Open (a parte i Meetup) come LiquidFeedback, Airesis (ed altri) che però essendo carenti in socialità e anche  poco user friendly,  hanno fatto migrare molti movimenti verso i gruppi “chiusi” di Facebook.

Ora anche l’attivismo si sta riversando all’interno di Facebook e Twitter a iniziare dalla mobilitazione  lanciata dallo Strike Meeting di un primo esperimento di sciopero in rete attraverso un recupero, o riappropriazione, dei like e dei tweet verso percorsi alternativi.

E’ vero, i social network sono spazi altamente gerarchizzati (come del resto tutto il web) ma la riflessione  di EigenLab di non restarne fuori e, anzi, di acquisire maggior spazio e  visibilità  proprio per costruire percorsi alternativi a quelli del mercato, del marketing e di tutto l’uso capitalistico della socialità, mi sembra una buona prospettiva.

Si partirà da Twitter il 10 ottobre  con una scalata al “Trend Topic”  e  verrà utilizzato un hashtag  (e argomenti) che riguarderanno lo sciopero del 14 novembre.

Se vuoi partecipare scrivi, prima del 10 ottobre, a netstrike.now (at) gmail.com  e  riceverai delle indicazioni  più dettagliate.

Il GPS nella mente

Nel nostro cervello ci sono delle cellule deputate a rilevare la nostra posizione nello spazio e non come una semplice bussola ma come un vero e proprio sistema di navigazione completo di percorsi, orientamento e memorizzazione delle mappe.
E’ una scoperta, frutto di 30 anni di ricerca, che viene ripagata con il Nobel per la Medicina e la Fisiologia a John O’ Keefe, May‐Britt ed Edvard Moser e che i media, più semplicemente, hanno chiamato “la scoperta del GPS nel cervello”.
Si è vero la metafora del GPS è molto pratica e rende di più l’idea del suo funzionamento, ma al di là di ogni banalità, lo studio dei tre scienziati aggiunge ulteriori tasselli a quel dibattito, che da mezzo secolo impegna la filosofia analitica (e post analitica), sul tipo di calcolo che avviene nel cervello.
Stiamo parlando della teoria computazionale che paragona la mente a un computer, e questa scoperta, in qualche modo, conferma l’esistenza, all’interno della mente, di una struttura di dati che generano rappresentazioni del mondo esterno.
Proprio come il computer, il cervello sembra avere un proprio linguaggio interno, un sistema operativo, delle sotto-strutture e dei codici che consentono alla mente di rappresentare le caratteristiche del mondo esterno come il suono, la luce, l’odore e la posizione nello spazio.
Non sono le immagini o le idee degli oggetti (come racconta la semiotica) a rappresentare il mondo ma un complesso sistema rappresentazionale, formato da strutture simboliche che possiedono una sintassi e una semantica proprie, simili a quelle delle proposizioni del linguaggio naturale.
John O’ Keefe, May‐Britt ed Edvard Moser hanno aperto la strada alle ricerche neuroscientifiche intorno ai codici neurali per la cognizione che, nel prossimo futuro, potrebbero vedere definitivamente insieme la biologia, l’informatica e la filosofia.