Archivi categoria: Hardware/Software

Android a rischio (UI State Inference Attack)

Secondo un team di ricercatori della University of Michigan e dell’Università della California,  una “debolezza” di Android metterebbe a rischio la sicurezza dei dati dell’utente del dispositivo.

Stiamo parlando di “UI State Inference Attack” ovvero l’attacco all’interfaccia dell’utente che avvalendosi di autorizzazioni alla condivisione della memoria, concesse da Android senza speciali permessi per consentire a un’applicazione di raccogliere informazioni sullo stato di altre applicazioni, permette di prelevare facilmente i dati dell’utente.

Zhiyun Qian, professore in sicurezza informatica presso l’Università della California, mette sull’avviso gli utenti sui seri rischi derivanti da questa debolezza e in un video da qualche esempio di come può funzionare l’attacco: per esempio rubare il nome utente e la password dell’applicazione “H&R Block”, copiare l’immagine di controllo presa dall’applicazione “Chase Bank”  e recuperare le informazioni della carta di credito da “NewEgg”.

I ricercatori hanno aggiunto che questo tipo di attacco, non basandosi su una falla del sistema, è possibile replicarlo anche su altre piattaforme.

Mohiomap organizza la tua discarica info

Dice Catherine Shu che dopo essersi accorta di aver usato Evernote come una discarica di informazioni, ha provato ad usare Mohiomap, una web app che trasforma tutte le note e i file di Evernote, di Google Drive e Dropbox in mappe mentali.
In sostanza si passa da un concetto lineare (liste o elenchi) ad uno rizomatico (rete o mappa) di organizzazione delle informazioni archiviate sui diversi cloud.
La nuova forma semantica delle informazioni, secondo Christian Hirsch,  dovrebbe aiutare le persone ad organizzare meglio i loro contenuti e collegarli tra loro.
Al momento la versione gratuita permette solo di visualizzare e navigare tra le proprie mappe ma se si vogliono creare delle connessioni trai i vari nodi, accedere a una dashboard di analisi e aggiungere commenti alle note o ai file,  ci vuole un account “Premium” e 5 dollari al mese.

Un acquisto giusto

Non faccio pubblicità (nessuno mi paga) ma questo nuovo smartphone credo che vada consigliato agli amici o comunque a chiunque sia interessato all’acquisto di qualcosa di simile e voglia risparmiare un bel po’.
Si chiama “OnePlusOne” e se leggete le sue specifiche tecniche non potete che rimanerne sorpresi.
Processore Qualcomm Snapdragon 801 con una Quad-Core CPU clockata a 2.5GHz; un nuovo EMMC 5.0 con accesso in scrittura a 400MB/s; RAM I XGB di LP-DDR3 clockata a 1866MHz e fotocamera Sony Exmor IMX214 da 13 Megapixel.
Interessante anche la politica della privacy con la CyanogenMod che protegge la tua identità crittografando automaticamente tutti i dati al momento dell’invio.
I prezzi vanno da € 269 per il 16 Gb a € 299 per il 64 Gb, dunque notevolmente al di sotto dei suoi concorrenti (S5 e iPhone 5s, solo per citarne due).
L’unico problema è che per averlo, direttamente dalla casa madre, bisogna prenotarsi per l’acquisto e dal momento della sua disponibilità avete 24 ore per acquistarlo.
Ovviamente lo si trova anche altrove ma a prezzi leggermente maggiorati.