vitocola.it

Condividere saperi, senza fondare poteri
0 comments

Che fare dopo il 30?

Me lo chiede qui Astronik e invece di rispondere al commento provo a fare un post di incitamento.

Il decreto Gelmini sarebbe stato approvato comunque e questo, quelli un pò più lungimiranti, lo sapevano da un pezzo. Sia perché il governo avrebbe rischiato una brutta crisi e soprattutto perchè la finanziaria, di cui quel decreto è figlio, era già approvata da un pezzo.

Ma che fare da domani in poi ?

Secondo me sono percorribili soltanto due strade:

1) tornare in buon ordine nei propri banchi e ai propri posti di lavoro e sperare che qualcosa cambi o migliori sotto la spinta dell’azione dell’opposizione in parlamento (qualcosa del genere accadde dopo l’approvazione della “riforma Moratti”) e di qualche regione come questa.

2) Continuare con la protesta e spingere fino in fondo senza guardare indietro. Ricordiamoci di qualche anno fa quando i giovani precari francesi hanno assediato Parigi contro il “ Contrat première embauche”. Anzi allargare la protesta, come sostengo da tempo, alle rivendicazioni contrattuali ragionando e stimolando la discussione sui posti di lavoro al di fuori dei binari sindacali (anche perchè CISL e UIL sembrano favorevoli all’accordo).

Insomma, come urlato nel post precedente, mio caro Astronik, “ce n’est qu’un debut continue le combat !

Comments are closed.