vitocola.it

Condividere saperi, senza fondare poteri
0 comments

Il futuro è della chat ?

keyGreta Sclaunich, qualche tempo fa sul Corriere,  diceva che il futuro dei social è tutto nelle chat.

Chi si ricorda di IRC ? e di ICQ ?  In Italia forse molti ricorderanno C6…  e ce n’erano anche di più vecchie.   Se non li ricordate  oppure non ne avete mai sentito parlare, sappiate che viviamo ancora nella loro scia. Quando messaggiamo o chiacchieriamo on line,  stiamo usando lo stesso paradigma comunicativo.  LOL, IMHO, AKA, per esempio, facevano parte dello “slang” di queste chat.  Anche la parte “social”, che può sembrare una novità, non è altro che una piccola modifica (ma a pensarci bene neanche tanto) dell’ordinamento di gusti e tendenze che avveniva con i gruppi di discussione e con le “stanze” private.  A parte il maggior numero di emoticon, è quasi tutto uguale. Il grosso cambiamento è stata  la  velocità della rete e poi una immersione più continua.  Le nuove piattaforme hanno fatto il resto e così  le vecchie chat rinvigorite, hanno preso il posto anche degli SMS (Deloitte  ha stabilito che negli ultimi due anni i messaggi in chat sono stati più del doppio degli sms); degli MMS, poi, non ne parliamo proprio.

Qualche numero

I dati Audiweb dicono che a dicembre 2014, in un giorno medio, i giovani da 18 a 24 anni navigano per 2 ore e 22 minuti (con un’ora di incremento rispetto al 2013), nel 67% dei casi da smartphone e l’88% dei quali su chat.
Per aggiungere un’altra manciata di numeri prendiamo il caso di un client fortunato come WhatsApp che (pur se a pagamento) nel 2014 ha superato il mezzo miliardo di utenti, i quali: per prima cosa si scambiano foto, poi messaggi e infine dei video.

Quale futuro?

Se  qualche anno fa mi avessero chiesto  quale sarebbe stato il futuro dei social, avrei risposto, senza esitazioni, “il metaverso” (Second Life, tanto per intenderci).  Un social immersivo e  corporale tutto in divenire  che in breve avrebbe spazzato via  tastiera, mouse,  monitor e chissà cos’altro.   E invece…  a dieci anni di distanza ancora non è pronta quell’interfaccia immaginata da tanti.  Uno schermo indossabile come  Oculus  che avrebbe dato un nuovo impulso a quel mondo immersivo non è ancora pronto. Come se non bastasse, è stato acquistato da Zuckerberg che, dicono i maligni, potrebbe essere interessato alla distribuzione di films o, forse, a collegarlo ai suoi social e a WhatsApp in particolare.

Dunque  la chat è il nostro loop storico?

Philip Rosedale pensa di no e la sua risposta è High Fidelity. Un nuovo metaverso che integrerà Oculus ad altri sensori di movimento e, più in la, a una webcam 3D. Se  non sarà Matrix sarà qualcosa di molto simile, assicura Rosedale nella postfazione al libro di Giuseppe Macario “Il passato, il presente e il futuro del mondo virtuale Second Life“.

 

Comments are closed.