vitocola.it

Condividere saperi, senza fondare poteri
0 comments

Povertà

Tengh’ la capa vlozz’ vlozz’ nun pozz’ magnà mi manca nu vrazz’…

Iniziava così una poesia intitolata “il Poveruomo” di zio Peppino Viggiano che rappresentava, per me, una sorta di archetipo del povero di paese.

Ma che cosa è la povertà ?
E’ facile per chiunque comprendere il concetto di povertà identificandola con una situazione di indigenza economica, è una tautologia, e ricercare la parola povertà da qualche parte non ci illumina più di tanto. Perchè conosciamo bene l’opposizione “avere non avere” è dentro di noi, fa parte della nostra cultura “lievitazionale”. Ovunque, qualsiasi popolazione del globo, differenzia l’esistenza sociale tra chi ha (e/o può avere) e chi non ha (e/o non può avere). Ecco perchè ci scandalizza così poco parlare di povertà e non sappiamo andare oltre l’argomento retorico. Anche la complessa idea di Paolo di Tarso che tutto ci è stato dato in uso e non in proprietà, non è potuta mai diventare comandamento ma consiglio, invocazione, missione.
Ed è proprio il concetto di proprietà (e la sua contraddizione) ad essere la base di tutti i conflitti ideologici e sociali della civiltà.
Sradicare la ricchezza non è diventata mai una idea radicale di massa perchè proprio il concetto di povertà (e di proprietà) è assai complesso. Pensiamo al fatto che in persiano, per esempio, esistono più di 30 termini per indicare un povero; in Africa si usano da tre a cinque termini e nella Torah se ne usano otto.
Quindi, chi sono i poveri ?
Sulla quantità approssimativamente si può dire che i poveri sono la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, non foss’altro per reggere il concetto di ricchezza. Identificare un povero, invece, è più arduo. Majid Rahnema, dice che nel mondo ci sono tanti poveri e tante percezioni della povertà quanti sono gli esseri umani.
Quindi possiamo dire che ciascuno di noi ha una propria idea di povertà il che porta a pensare che potremmo non essere in grado di identificare i poveri della nostra collettività o anche della nostra famiglia. L’ISTAT parla di povertà assoluta e povertà relativa defininendo la prima come classe di individui che non sono in grado di acquistare il “paniere” di beni e servizi e l’altra come famiglia composta da due persone con un consumo inferiore a quello medio pro capite.

Se poi guardiamo i numeri di questi ultimi anni (quelli italiani) vediamo che la percentuale delle famiglie che dichiara di avere almeno un problema nell’acquisto di alcuni beni e servizi essenziali, come cibo, gas, luce, telefono e cure mediche, è salito vertiginosamente. Trovarsi oggi in condizioni di povertà combacia sempre più con la privazione che l’individuo subisce nei confronti dei consumi medi della sua comunità.

Da ciò poi partono a raffica meccanismi complessi e tragici per i quali le famiglie si indebitano eccessivamente perchè non riescono ad acquistare prodotti attraverso la propria dotazione finanziaria.

Se dovessimo chiedere ad un passante quanto deve guadagnare un cittadino per non essere considerato povero, per l’ISTAT questi dovrebbe rispondere 1.300 euro per un single e 1.800 euro per una coppia (le famiglie numerose dovrebbero guadagnare più di 2.000 euro mensili).
Provate invece a chiederlo anche voi ai vostri conoscenti, ai vostri colleghi e se volete a qualche passante e verificherete di persona l’aderenza o meno della stima sulle percezioni, io so di certo che una larga maggioranza di precari, pensionati e famiglie monoreddito vivono con molto, ma molto meno, se poi non lo percepiscano come povertà è un altro paio di maniche.

Comments are closed.