vitocola.it

Condividere saperi, senza fondare poteri
0 comments

Totem e tabù del PD lucano

http://www.ateniesi.it/che-tempo-fa-nel-pd/#!prettyPhoto/0/

Vignetta di Zeno

Sara nel suo pezzo per il “Quotidiano”  sintetizza la situazione politica all’interno del PD lucano dopo il risultato delle primarie. La  partenza è il sindaco di Anzi e dirigente PD, Giovanni Petruzzi, che ha fatto una “pubblica” autocritica-accusa  delle  primarie fino a giungere al una parola chiave: “totem“. Peccato non faccia solo un altro passo avanti per definire il tabù che sorregge questo totem. Ma forse, in qualche modo, lo anticipa Pittella con il suo annuncio di  “primarie per tutti” (se avesse detto “chiù pilu pi tutti”  sarebbe stato come dire “15mila posti in 5 anni“).
E’ molto probabile che la forma figurata di questo tabù siano proprio le primarie.  Il problema non è se la  campagna primarista sia stata “giocata tutta su tattica e numeri” (non sarebbe certo una novità se ne parla da quando son nate le elezioni) ma il non riuscire a superare il tabù. Un po’ come quel  Kautsky che Lenin chiamò “rinnegato” perché sosteneva che i bolscevichi non avrebbero dovuto portare il proletariato al potere, ma soltanto favorire l’ascesa della borghesia liberale che avrebbe garantito la democrazia.
Forse qualcuno comincia ad infrangere quel vetro opaco che poco faceva intravedere la natura del mistero. Lo sa bene chi frequenta le chiese che i misteri non sono fatti per essere svelati, ne va del potere pastorale, quello che intercorre tra il gregge e il pastore.
Ora, in breve, qualcuno si chiede se quelle primarie “aperte” (cioè fuori dalla chiesa) siano uno strumento utile alla dottrina o soltanto una machiavellica  strategia da “quinta colonna”.
Se verità della fedele è lontana, la salvezza ultramondana lo è ancor di più.

Comments are closed.